Cosa visitare nel fine settimana a Scarperia - Giornate Rinascimentali a Scarperia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cosa visitare nel fine settimana a Scarperia

Il borgo, chiamato “Castel San Barnaba alla Scarperia”, aveva funzione di vero e proprio baluardo difensivo lungo la principale strada che conduceva a Firenze.
Il Palazzo era il fulcro civile della Terra e fu eretto all’incirca a metà del XIV secolo lungo il lato ovest della piazza al centro del rettangolo definito dalle mura difensive (oggi Piazza dei Vicari). Inizialmente alloggio del capitano delle truppe militari, divenne poi sede del Potestà e nel 1415, quando Scarperia fu eletta sede vicariale, fu trasformato in Palazzo signorile.
L’edificio è stato man mano ampliato e restaurato nel corso dei secoli, ma ha in gran parte mantenuto l’impianto di epoca trecentesca e quattrocentesca.
La prima cosa che si nota, oltre alla somiglianza all’architettura di Palazzo Vecchio di Firenze, al quale infatti si ispira, è la presenza sulla facciata e sulle pareti dei due atri interni di numerosissimi stemmi.
Questi appartenevano ai vicari che si succedevano come governatori ogni sei mesi e avevano l’obbligo di lasciare nel palazzo l’insegna nobiliare della loro famiglia.
Particolarmente interessanti quelli in terracotta invetriata delle botteghe dei Della Robbia e della famiglia Buglioni, che conservano ancora, a differenza di quelli in pietra, i vivaci colori originali.
Il secondo atrio ospita sulle sue pareti anche affreschi quattrocenteschi raffiguranti gli stemmi delle terre che facevano parte del vicariato e scene a tema religioso.
Nelle sale del palazzo, invece, si possono ammirare tra le altre cose, lo splendido affresco della Madonna col Bambino e Santi di scuola del Ghirlandaio e il meccanismo dell’orologio di torre, realizzato da Filippo Brunelleschi, unica opera di meccanica applicata agli orologi conosciuta del grande architetto, nonché uno dei più antichi orologi pubblici della Toscana.    
In un ala nuova del Palazzo dei Vicari ha sede il Museo dei ferri Taglienti, inaugurato nel 1999, dove è documentata l'attività plurisecolare dei coltellinai scarperiesi e non solo.
L'allestimento è articolato in 5 sezioni tematiche: la prima, a carattere multimediale, presenta filmati relativi alla lavorazione artigianale del coltello, la seconda è dedicata alla coltelleria italiana e ai suoi centri produttori dalla fine dell'800 fino ai nostri giorni, la terza invece alla storia dei coltellinai di Scarperia. La quarta sezione, intitolata "Lame al femminile", presenta l'altra categoria delle lame taglienti: le forbici per il ricamo e la sartoria. La quinta sezione, infine, è dedicata alla vita sociale, e viene periodicamente modificata con ricostruzioni che attengono momenti di vita del territorio.
Il museo propone una visita attiva attraverso video, pannelli didattici e un banco di lavoro dove il visitatore si può cimentare nel montaggio del coltello. E' possibile concludere il percorso museale al di fuori delle mura del Palazzo, con l'ausilio di una guida, visitando l'antica Bottega del Coltellinaio, attiva dall'inizio del ‘900 fino agli anni '70, tutt'oggi completa dei suoi attrezzi e strumenti utili alla fabbricazione artigianale di forbici e coltelli, ed utilizzata su richiesta e in occasione di manifestazioni locali per le dimostrazioni di lavorazione.
Nel week-end delle Giornate Rinascimentali oltre a Scarperia si consiglia di vistare il Centro di Documentazione Archeologia di Sant’Agata, la Raccolta di Arte Sacra (situate l’una accanto all’altra) oppure il Museo della vita artigiana e contadina di Leprino.

Per chi ama passeggiare si rimanda alla passeggiata nella Pineta di Scarperia (5 minuti a piedi dal centro) oppure una camminata (meno di 10 minuti dal centro) verso l’autodromo del Mugello.
Se invece volete restare in centro durante la due giorni rievocativa potete visitare la chiesa di SS. Jacopo e Filippo, in Piazza dei Vicari, subito accanto ad essa trovate anche il piccolo Oratorio della Madonna di Piazza oppure potete scendere sino alle porte del centro storico e oltre per visitare L’Oratorio della Madonna dei Terremoti
Per tutte le informazioni sul territorio e gli orari:
+39 055 84 68 165

Dormire...
L'elenco delle attività dove soggiornare nel fine settimana delle Giornate Rinascimentali a Scarperia e non solo
Mangiare...
L'elenco delle attività presenti sul territorio segnalate da Giornate Rinascimentali.com, dove gustare piatti tipici del Mugello
Torna ai contenuti | Torna al menu